Tempo di lettura: 2 minuti

Nel post gara di Fiorentina-Napoli arriva il commento furioso ai microfoni di Sky da parte di Vincenzo Montella, dopo la sconfitta contro gli uomini di Carlo Ancelotti. Ecco le sue parole:

Partite – “Voglio fare complimenti ai ragazzi, al pubblico, si è creato un entusiasmo incredibile, il presidente Commisso ci sta dando un energia pazzesca. Il campo ha dimostrato che non meritavamo questo risultato per tanti episodi. Non capisco perchè ci si voglia complicare la vita, dato che credo nella buona fede degli arbitri. Alla fine del primo tempo c’è stato un episodio, perchè non sono andati a vederlo? Non voglio più sentir parlare di Chiesa come simulatore, basta! Chiesa non è un simulatore! Non riesco a capire certe cose, però io mi tengo la prestazione, il coraggio che hanno dimostrato i giovani, sono orgoglioso, mi dispiace per la sconfitta immeritatissima, c’è tanta rabbia! Non è l’errore ma il ragionamento che dà fastidio”. 

Errori arbitrari –Massa ci ha detto che ha visto nettamente l’episodio su Mertens. Var? Io non ci ho capito niente, cerco di sorridere perchè oggi faccio tanta fatica. Ho preso un’ammonizione perchè sul presunto calcio di rigore su Ribery sono andato verso la palla, ma non ho mancato di rispetto alla terna arbitrale.  Gli errori li abbiamo sempre accettati, senza Var li accetti anche più volentieri, ma c’è ed allora io non capisco. Anche il fallo di mano del rigore a favore nostro non capisco la regola, ma c’è. Non riesco a capire poi certi ragionamenti”.

Prestazione – “Sono entusiasta della prestazione dei ragazzi, hanno tanti margini ed hanno dimostrato coraggio. Loro son bravi nelle scelte e nelle situazioni, si conoscono da tanti anni. Mi tengo la prestazione, col tempo metteremo a posto quello che è stato fatto in maniera non corretta. Ribery? E’ un campionato, non sta ancora bene, speriamo stia meglio alla prossima, sicuramente è un grande esempio, e lo sarà per i nostri giovani. Il Napoli negli ultimi venti minuti non ha giocato, ha fatto tanto possesso e tante perdite di tempo, ma questo fa parte del bagaglio di esperienze col tempo arriverà anche ai nostri giocatori”.